Linee guida ESMA sugli obblighi di comunicazione per le cartolarizzazioni

Il 17 gennaio 2020, l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) ha pubblicato un documento di consultazione sulle linee guida relative alla completezza e alle soglie di coerenza delle informazioni dei repertori dei dati sulle cartolarizzazioni.


Leggi il documento



In particolare, la bozza di Regolamento Delegato che integra il Regolamento (UE) 2017/2402 (Regolamento sulle cartolarizzazioni) per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione sugli standard operativi dei repertori di dati sulle cartolarizzazioni per la raccolta, l'aggregazione, la comparazione, la verifica della completezza e della coerenza dei dati e l'accesso ad essi, prevede all’art. 4, comma 2, lett. d) la verifica circa il corretto utilizzo delle opzioni “No data” (“ND”) introdotte dall’art. 9, comma 3 della bozza di Regolamento Delegato (C(2019) 7334 final) qualora, per ragioni di trasparenza e al ricorrere di specifici casi, il cedente, il promotore o la SSPE non possano mettere a disposizione le informazioni inerenti alla cartolarizzazione.

La serie di opzioni “ND” sviluppati in tal senso non dovrebbe, tuttavia, costituire in alcun modo un’elusione degli obblighi di segnalazione delle informazioni di cui all’art. 7 del regolamento sulle cartolarizzazioni, né tanto meno impedire alla comunicazione di dati di essere “sufficientemente rappresentativa” delle esposizioni sottostanti la cartolarizzazione.

A tale scopo, le linee guida ESMA spiegano come verificare se la presentazione dei dati è "sufficientemente rappresentativa" attraverso l’utilizzo di un sistema di soglie calibrate inizialmente per l’analisi della completezza e coerenza dei modelli di informativa presentati dai soggetti depositanti e inaspriti in un secondo momento, tenuto conto della capacità degli operatori di mercato di migliorare i loro processi di raccolta e di segnalazione dei dati stessi.
La consultazione pubblica rimane aperta fino al 16 marzo 2020.